RAGAZZA AMERICANA STUPRATA IN BAIA DI SISTIANA

da Notizie Trieste news 24.

Uno stupro, nelle primissime ore della domenica, alla periferia di
Trieste, in una zona vicina al mare, dove di solito si va per
trascorrere piacevolmente il tempo, tra stabilimenti balneari,
ristoranti e discoteche: a denunciarlo – secondo quanto si è saputo
oggi – una ragazza americana di 19 anni. La giovane, che si trovava nel
capoluogo giuliano per un soggiorno, ospite di un’amica in una casa di
Sistiana, sarebbe stata violentata a turno da tre persone – secondo
quanto ha raccontato alla Polizia – mentre altre due assistevano senza
intervenire e senza tentare di impedire la violenza. L’episodio sarebbe
avvenuto in una stradina di Sistiana che porta verso il mare, al di
fuori di locali pubblici che si trovano nella zona. La ragazza, subito
dopo la denuncia, è stata visitata da medici dell’ospedale Burlo
Garofalo del capoluogo giuliano, che hanno confermato la violenza.
Sull’episodio stanno indagando gli investigatori della Squadra Mobile
della Questura di Trieste, che mantengono il riserbo totale sia sulla
denuncia, sia sulle attività di indagine, che sono coordinate dalla
Procura della Repubblica del capoluogo giuliano. Alcune persone sono
state interrogate, ma per il riserbo che viene mantenuto sulla vicenda,
non è trapelato se gli interrogatori abbiano riguardato persone
sospettate, persone informate sui fatti o testimoni. Intanto stupore,
incredulità e preoccupazione si respirano a Sistiana, dove una parte
importante dell’attività economica è legata al turismo. "Da quando
abbiamo cominciato a operare, nel 1996 – racconta Sergio Fari,
responsabile di un’azienda che gestisce ristoranti e la discoteca
Cantera – c’é stato un maggiore presidio del territorio e sono
diminuiti i problemi". Secondo quanto si è saputo dallo stesso
imprenditore, lui è stato sentito telefonicamente dalla Polizia, che
gli ha chiesto di consegnare le videoregistrazioni compiute all’interno
del suo locale da ballo. "Ogni fine settimana – spiega Marisa Budicin,
che lavora da anni in questo settore a Sistiana – arrivano migliaia di
ragazzi. Nelle nostre discoteche non è mai successo nulla del genere:
oltre a spintoni e qualche rissa, mai niente". Incredulo anche il
sindaco di Duino-Aurisina, Giorgio Ret, nel cui territorio comunale
rientra Sistiana. "Da noi non sono mai successe cose del genere – ha
detto – è davvero preoccupante e dispiace". "In tutti questi anni – ha
aggiunto Ret – abbiamo ospitato migliaia e migliaia di ragazzi. Sia noi
che le forze dell’ordine abbiamo sempre cercato di aiutare i ragazzi ad
avere un posto sicuro, tanti genitori vengono a prendersi i ragazzi di
sera e – ha concluso – ci ringraziano".

This entry was posted in Femminicidio quotidiano. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *