IL MASCHIO STUPRA IL MAGISTRATO ASSOLVE – mercoledì 20.05.09 p.zza nettuno sotto il tribumale

Il maschio stupra
Il magistrato assolve

Sabato mattina il nostro non è stato un buon risveglio!
Abbiamo appreso dai giornali del ribaltamento della sentenza che vedeva
condannati Francesco Liori e Federico Fildani per uno stupro di gruppo ai
danni di A.,una di noi avvenuto nel 2006 in un appartamento di via Libia
La seconda sezione della corte d’appello, presieduta da Stefano Valenti e
su sollecitazione del procuratore generale, tale Ugo Guccione, ha ripetuto un’
operazione del resto non inedita, ossia affossare la credibilità il coraggio
e la forza di una donna che denuncia, sostenuta dalle altre, e riabilitare
questi due giovani di buona famiglia (italiana!)
Sapevamo già che la lotta agli stupri, tanto in voga qualche mese fa, aveva
solo il valore strumentale di criminalizzare i migranti e non il reale
interesse a considerare la violazione del corpo delle donne per il problema
sociale e politico che rappresenta. Questo episodio ne è  un’ulteriore
conferma!
Continuiamo a vedere la mancanza di volontà a sanzionare atti di violenza
sulle donne sia socialmente che legalmente
Coalizzati e conniventi istituzioni e pensiero comune continuano a tenere a
bada libertà ed autodeterminazione delle donne per riprodurre la loro
marcia pace sociale
La loro giustizia non ci tiene dentro, non ci riconosce e noi non possiamo
riconoscerla!
Qualsiasi legge anche quella scritta meglio sarà inadeguata se ad
amministrarla saranno uomini intrisi della più becera o più moderata
“cultura” maschilista.
Abbiamo bisogno ancora di dire che non ci stiamo.
Facciamo arrivare il nostro dissenso dentro il palazzo di giustizia..
Ma quale giustizia??????

PRESIDIO
MERCOLEDI’ 20-5-‘09
ALLE H. 9.30 SOTTO IL TRIBUNALE
IN PIAZZA TRENTO TRIESTE
Invitiamo tutte a presenziare
e-mail maragridaforte@inventati.org

This entry was posted in IL MASCHIO STUPRA, IL MAGISTRATO ASSOLVE Presidio sotto il tribunale 20/05/09. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *